skip to Main Content
prezzoluce@gmail.com
Disdetta E.On, Come Si Richiede?

Disdetta E.On, come si richiede?

Scopriamo come si richiede la disdetta del contratto con E.On Energia per l’utenza luce e gas. Quali sono i tempi? E quanto costa questa operazione?

Sommario :

E.On disdetta per decesso

logo-eonSe avete intenzione di disdire il contratto con E.On, grazie a questa guida troverete tutte le indicazioni utili per farlo.  Bisogna, innanzitutto, distinguere due tipi di disdetta:

  • disattivazione fornitura energia elettrica/gas,
  • passaggio a un altro fornitore.

Potete recedere dal vostro contratto luce e gas in qualsiasi momento. In caso di decesso dell’intestatario del contratto, per disattivare la fornitura di energia o gas dovete chiamare il Servizio Clienti di E.on Energia. Tale servizio è attivo tutti i giorni 24 ore su 24. I contatti per i clienti domestici sono:

  • Numero verde 800 999 777;
  • Numero per chiamate dall’estero 02 9164 6102;
  • Fax 800 999 599;
  • E-mail – fornitura casaservizio.clienti@eon-energia.com;
  • Posta – E.ON Energia S.p.A. Casella Postale 14029  20140 Milano.

Ovviamente la chiusura del contatore può essere richiesta anche in caso di trasferimento. I clienti business possono contattare E.On Energia attraverso i seguenti canali:

  • Numero verde 800 999 222;
  • Numero per chiamate dall’estero 02 91646102;
  • Fax grandi imprese 800 994 422;
  • E-mail – grandiaziende@eon-energia.com.

Quanto costa recedere dal contratto gas

Il costo di disattivazione cambia a seconda del mercato di riferimento: mercato di maggior tutela e mercato libero. Arera ha stabilito che il costo di disattivazione della fornitura di gas su richiesta del cliente è pari a 30 € se il contatore è fino alla classe G6, a 45 € per contatori più grandi.

Disdetta E.On energia tempi e costi

Per quanto riguarda l’utenza luce, il costo di disattivazione nel mercato tutelato è di 23 euro; nel mercato libero il prezzo dipende dalle condizioni contrattuali. Per disattivazione del servizio, intendiamo la chiusura del contatore. I tempi per tale procedura sono stabiliti da Arera: la richiesta deve essere trasmessa dal venditore entro 2 giorni lavorativi al distributore locale che deve provvedere alla disattivazione della fornitura entro 5 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della richiesta.

Se non vengono rispettate queste tempistiche il cliente domestico ha diritto a ricevere un indennizzo:  

  • 35 € per attivazioni realizzate entro il doppio del tempo previsto;
  • 70 € entro il triplo del tempo previsto;
  • 105 € oltre il triplo del tempo previsto.

Disdetta E.On modulo

Per disdire il contratto con E.On Energia potete compilare il modulo di disdetta, recandovi personalmente agli sportelli clienti territoriali. Per la compilazione del modulo vi saranno richieste le seguenti informazioni:

  • codice POD (per la luce) e codice PDR (per il gas);
  • recapito per la ricezione dell’ultima bolletta;
  • dati intestatario contratto;
  • numero contratto;
  • indirizzo di fornitura;
  • codice cliente;
  • lettura contatore.

Altrimenti, potete disdire il contratto inviando la disdetta all’indirizzo: Energia S.p.A. Casella Postale 14029,  20140 Milano.

Cambio fornitore energia

Cambiare fornitore è gratis ma alcune volte l’operatore può addebitare il costo per l’imposta di bollo (16 euro). In questo caso, dovrete contattare l’operatore scelto e penserà lui a comunicare la disdetta a E.On. Ricordiamo, infatti, che se avete deciso di cambiare fornitore, sarà compito del nuovo operatore comunicare al vecchio la disdetta. Tale operazione non prevede l’interruzione del servizio di fornitura. Per semplicità il cambio di operatore avviene il 1° giorno del mese. Prima dell’attivazione del servizio con il nuovo fornitore, il cliente sarà sempre servito dal vecchio fornitore che provvederà a inviare l’ultima bolletta di conguaglio. Prima del cambio del gestore, il distributore locale comunicherà al nuovo fornitore la lettura del contatore affinché la fatturazione sia corretta. Le tempistiche per cambiare operatore sono stabilite dalla legge:

  • per i clienti domestici, 1 mese (il preavviso parte dal 1° giorno del mese successivo della comunicazione);
  • per i clienti non domestici nel mercato di maggior tutela 1 mese;
  • per i clienti non domestici nel mercato libero 3 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top