skip to Main Content
prezzoluce@gmail.com
Punto Enel Modena, Via F. Lamborghini, 130 C

Punto Enel Modena, via F. Lamborghini, 130 C

Vivete a Modena e avete dei problemi con il vostro fornitore Enel di energia o gas? Grazie a questo articolo troverete tutte le informazioni utili relative allo sportello clienti.

Sommario :

Sportello clienti Enel

Enel, fornitore di energia e gas, ha diversi negozi (anche partner) distribuiti su tutto il territorio italiano che svolgono la funzione di sportello clienti. Quindi, in caso di problemi o per chiedere informazioni generali potete rivolgervi direttamente al Punto ENEL più vicino a voi.

A Modena lo sportello si trova in via F. Lamborghini, 130 C. Gli orari di apertura sono:

  • lunedì 8,30-15,00;
  • martedì 8,30-15,00;
  • mercoledì 8,30-15,00;
  • giovedì 8,30-15,00;
  • venerdì 8,30-12,30.

I negozi partner Enel si trovano vicino Modena in:

  • VIA VITTORIO VENETO, 84, NONANTOLA, 41015, MODENA;
  • CORSO MARTIRI, 126, CASTELFRANCO EMILIA, 41013, MODENA;
  • VIA CARLO MARX, 85, CARPI, 41012, MODENA.

Prima di recarvi allo sportello clienti, ricordatevi di avere con voi i seguenti dati che vi saranno richiesti:

  1. codice POD o PDR;
  2. dati titolare contratto di fornitura;
  3. indirizzo di fornitura;
  4. codice cliente (lo trovate in bolletta).

Il numero verde da contattare per i clienti di Servizio Elettrico Nazionale nel mercato tutelato  è 800 900 800. Invece, coloro che si trovano nel mercato libero con Enel Energia devono contattare il numero verde 800 900 860.

Curiosità: Cosa vedere a Modena?

Modena è un comune italiano situato nel Nord Italia, nella Regione Emilia-Romagna, con circa 186000 abitanti. La città si trova nella Val Padana ed è circondata dai fiumi Secchia e Panaro. Non a caso vicino al centro storico, dove inizia via Emilia Est, è possibile ammirare “la fontana dei due fiumi modenesi”, opera dello scultore Giuseppe Graziosi. Le due figure, una femminile e l’altra maschile, simboleggiano i due fiumi.

ferrari

Modena è conosciuta in tutto il mondo sia per le sue importanti industrie alimentari sia per per l’automobilismo sportivo. Difatti, è sede della Maserati in città e in provincia (a  Maranello) della Ferrari. L’autodromo di Modena insieme ai Musei Ferrari rappresenta una tappea obbligatoria per chi decide di visitare la città. Il MEF, museo casa Enzo Ferrari, è un museo dedicato alla storia e al lavoro del fondatore della casa automobilistica Ferrari. I visitatori potranno scoprire le vetture del “Cavallino Rampante” che hanno fatto la storia dell’automobilismo. Inoltre, si possono provare dei simulatori semiprofessionali di Formula 1. Il museo chiude solo dal 25 dicembre al 1 gennaio ed è aperto tutti i giorni.

Le attrazioni da vedere in città si trovano principalmente nel centro storico dominato dal Palazzo Comunale e dal Duomo di Modena. La cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo e San Geminiano, infatti, rappresenta il maggiore luogo di culto di Modena. Famoso è anche il suo campanile del 14 sec., la Ghirlandina, alto 89 metri che è considerato il simbolo della città. Il Duomo si trova in Piazza Grande. Bisogna dire che dal 1997 la Cattedrale, insieme a Piazza Grande e alla Ghirlandina, è entrata a far parte del Patrimonio dell’Umanità. Ora questi luoghi si trovano nella lista dei siti culturali, storici, artistici e ambientali dell’UNESCO.

Se ci spostiamo a Piazza a Roma, poi, troveremo un altro edificio storico: il Palazzo Ducale. Ex sede della Corte Estense, oggi ospita la prestigiosa Accademia Militare di Modena. Per gli amanti dell’arte, è possibile visitare la Galleria Estense che espone la collezione di opere dei Duchi d’Este. Imperdibile anche Casa Museo Luciano Pavarotti, ex casa Pavarotti per conoscere l’uomo e l’artista che è stato tra i dieci tenori più grandi di tutti i tempi.

Per quanto riguarda la tradizione gastronomica, Modena, come dicevamo, offre gustosi piatti. Partiamo dalla colazione, con lo gnocco fritto da provare con il cappuccino. A pranzo provate i tortellini in brodo di cappone. E concludete la giornata, a cena, con la crescentina modenese e i salumi della zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top