skip to Main Content
prezzoluce@gmail.com
Bonus Energia Elettrica: A Chi Si Rivolge?

Bonus energia elettrica: a chi si rivolge?

È stato rinnovato il bonus energia elettrica per il 2018. Lo sconto in bolletta è stato approvato dal Governo per determinate tipologie di clienti.

Scopri se rientri nelle categorie agevolate e come inviare la domanda.

Bonus energia elettrica 2018

Anche quest’anno c’è la possibilità di usufruire del bonus elettrico introdotto dal Governo con DM 28/12/2017 e reso operativo dall’Authority per l’Energia. Si tratta di un’agevolazione che riduce la spesa dei clienti domestici per l’energia elettrica. Lo sconto in bolletta è applicabile per le famiglie meno abbienti, numerose e in gravi condizioni di salute.

Il bonus si può richiedere presso il Comune di residenza dell’intestario del contratto di fornitura elettrica o presso un altro ente stabilito dal Comune, come il CAF o la Comunità Montana.

Come si richiede il bonus?

Per presentare la domanda vanno consegnati specifici moduli (modulo A, allegato D, allegato CF, allegato FN) e i seguenti documenti:

  • Documento d’identità
  • Attestazione ISEE valida per l’anno di riferimento

Bonus elettrico per disagio economico

Come abbiamo detto, ci sono diversi casi in cui si può fare domanda per il bonus energia elettrica. Lo possono richiedere tutte le famiglie in condizioni di disagio economico con l’attestazione ISEE non superiore a 8107,5 euro. Il valore di questo bonus dipende dalla numerosità della famiglia anagrafica.

Gli importi per il 2018 sono:

  • 1-2 soggetti 125 euro
  • 3-4 componenti 153 euro
  • Maggiore di 4 componenti 184 euro

L’importo non viene scontato in un’unica soluzione ma viene suddiviso nelle varie bollette dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Una volta concesso, nella bolletta è presente una comunicazione. Nella sezione “totale servizi di rete – quota fissa” è indicato il valore del bonus.

Come controllare lo stato della domanda?

I richiedenti possono controllare lo stato della domanda rivolgendosi direttamente all’Ente dove hanno inoltrato la richiesta, presentando la ricevuta rilasciata dall’ente stesso. Oppure, possono:

  • Chiamare il numero verde 800.166.654, fornendo il numero della richiesta effettuata.
  • Controllare online la pratica sul sito Bonus energia dell’Anci

Bonus elettricità per disagio fisico

Quando una persona si trova in gravi condizioni di salute può richiedere lo sconto in bolletta. Il bonus energia elettrica viene riconosciuto fino a quando si utilizzano apparecchiature elettromedicali per il supporto vitale della persona malata. Il richiedente dovrà informare il venditore di energia quando cesserà di utilizzarle, pena la restituzione degli importi indebitamente percepiti.

La richiesta anche in questo caso andrà fatta presso il Comune di residenza, presentando un certificato ASL che certifichi le condizioni di salute e la necessità di determinati apparecchi medici. Inoltre, bisognerà presentare:

  • Documento di identità e codice fiscale
  • Il modulo B

Sarà necessario sapere il POD e la potenza impegnata o disponibile (queste informazioni si trovano in bolletta). In questo caso non viene richiesta la presentazione dell’ISEE.

Il valore del bonus dipende dalla potenza contrattuale, apparecchiature medicali utilizzate, e tempo di utilizzo. Ci sono tre fasce di analisi per l’extra consumo rispetto a un utente tipo (fascia minima, media e massima). Il valore dello sconto varia dai 193 euro ai 692 euro a seconda dei casi specifici.

Clienti domestici con potenza contrattuale fino a 3kW:

  • Fascia minima consumi fino a 600 kWh/anno: 193 euro
  • Fascia media consumi tra 600 – 1200 kWh/anno:318 euro
  • Fascia massima consumi oltre 1200 kWh: 460 euro

Clienti domestici con potenza contrattuale superiore a 3kW:

  • Fascia minima (consumi fino a 600 kWh/anno): 452 euro
  • Fascia media (consumi tra 600 – 1200 kWh/anno): 572 euro
  • Fascia massima (consumi oltre 1200 kWh): 692 euro

In questo caso il bonus non deve essere rinnovato e continua ad essere erogato – anche in caso di cambio del fornitore di energia – per il prossimo anno perché prosegue fino all’utilizzo degli apparecchi medici ed è possibile richiedere un adeguamento se vengono installate nuove apparecchiature.

Bonus per famiglie numerose

Le famiglie numerose (clienti domestici) intestatarie di un contratto di fornitura possono richiedere il bonus energia elettrica. Nello specifico, le famiglie con più di tre figli a carico e un’attestazione ISEE non superiore a 20000 euro. Questo bonus si può richiedere anche per la fornitura del gas.

Quando cessa l’erogazione del bonus?

L’erogazione del bonus può interrompersi nel caso in cui il Comune di residenza verifichi la mancanza delle condizione necessarie per ottenere l’agevolazione. Inoltre, se si effettua la voltura contrattuale verso un altro soggetto che non vive nella dimora del soggetto malato l’erogazione cessa.

Come controllare lo stato della domanda?

I richiedenti possono controllare lo stato della domanda rivolgendosi direttamente all’Ente dove hanno fatto la richiesta, presentando la ricevuta rilasciata dall’ente stesso. Oppure, possono:

  • Chiamare il numero verde 800.166.654, fornendo il numero della richiesta effettuata.
  • Controllare online la vostra pratica sul sito Bonus energia dell’Anci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top