skip to Main Content
prezzoluce@gmail.com
Tutti Pazzi Per Il Rumore Del Phon: Ma Quanto Ci Costa?

Tutti pazzi per il rumore del phon: ma quanto ci costa?

Il rumore del phon rilassa e allontana lo stress ma quanta energia consuma l’asciugacapelli? Una nuova ossessione dei giovani che potrebbe causare una bolletta “pazza”.

La nuova ossessione: il rumore del phon

Pagine facebook, app e video su youtube dedicati al rumore del phon. Non c’è dubbio, la nuova ossessione dei giovani è il suono dell’asciugacapelli. La dott.ssa Ivana Siena nel suo blog del Centro di Psicoterapia Familiare scrive un articolo su “come superare la dipendenza da phon” perché tra l’ossessione e la dipendenza il confine è sottile. I ragazzi, infatti, utilizzano l’asciugacapelli per rilassarsi e liberare la mente da pensieri negativi.

Perché i giovani amano il suono del phon?

Il suono del phon è considerato un rumore bianco, ossia un suono che non dà fastidio all’uomo. È una melodia che aiuta a concentrarsi, ad esempio quando si studia, perché copre i rumori forti che possono alterare l’udito. Secondo la psicologia dinamica si riferisce al legame materno: questi suoni ricordano quelli intrauterini che il feto ascolta durante la gravidanza. Questa pratica trasmette un senso di sicurezza e protezione.

Sulla pagina facebook “Rumore del Phon”, che conta quasi 5000 persone, viene venerato questo elettrodomestico.“Freddo dalla Siberia? Burian? Maltempo non ti temo. Il Magnifico Rumore ci vizia e ci protegge. Lunga vita al nostro amato Phon”, scrivono i fan.

 

Così i giovani condividono la loro passione con foto di lenzuola bruciate, scottature sul corpo, e racconti personali legati alla loro “mania”.

Quanta energia consuma il phon?

Come accade spesso, i vizi costano. Stare un’ora ascoltando il suono dell’asciugacapelli può rilassarci ma quanta energia consumiamo?
Pensate che il phon rientra tra gli elettrodomestici più energivori. Per calcolare il consumo energetico di questo apparecchio dobbiamo considerare tre parametri:

  • La potenza
  • La temperatura
  • Il tempo di utilizzo

In commercio ci sono differenti modelli, per capire quanta energia assorbe il nostro asciugacapelli dobbiamo vedere qual è la sua potenza massima. Questa, in genere, si trova vicino alla griglia superiore ed è indicata con un numero seguito dalla potenza espressa in W. Ad esempio un phon di 2000 W consumerà in un’ora 2kWh (1000 W= 1kWh). Per tradurre il consumo nel costo effettivo che troveremo in bolletta, dobbiamo considerare il tempo di utilizzo.
Prendiamo 3 casi ipotetici con un Phon 1000 W:

  • Tempo di utilizzo 20 minuti, prezzo 0,21 euro per 1 kWh: consumo energetico stimato 0,07 euro
  • Tempo di utilizzo 30 minuti, prezzo 0,21 per 1 kWh: consumo energetico stimato 0,10 euro
  • Tempo di utilizzo 60 minuti, prezzo 0,21 per 1 kWh: consumo energetico stimato 0,21 euro

Ovviamente questo costo lo dovrete moltiplicare per il numero di volte che utilizzate l’elettrodomestico. Ad esempio, se tutti i giorni amo ascoltare il suono del phon per un’ora, alla fine del mese la spesa totale sarà di 0,21 x 30 giorni = 6,3 euro.

Il costo si raddoppia se utilizzate un phon con potenza 2000 W. In questo caso, utilizzando l’asciugacapelli per un’ora al giorno, arriverete a spendere dopo un mese circa 12,6 euro.

Questi importi ottenuti possono cambiare se si impostano livelli di temperatura e di flusso d’aria bassi per risparmiare energia elettrica.

Consigli per risparmiare in bolletta

Se proprio non potete fare a meno di utilizzare il phon ogni giorno, vi diamo dei consigli per consumare meno energia elettrica.

  • Cercate di acquistare modelli Eco per risparmiare energia
  • Prima di utilizzare il Phon tamponate bene i capelli con un asciugamano per ridurre il tempo di utilizzo
  • Evitate di utilizzare il livello massimo del flusso d’aria

Perché scatta il salvavita?

Un consiglio da seguire è quello di non utilizzare il phon quando anche altri elettrodomestici energivori sono in funzione perché potrebbe scattare il salvavita. Questo dispositivo di sicurezza interrompe il flusso d’energia nell’abitazione quando si verifica un sovraccarico del contatore o in caso di dispersione. Se il salvavita scatta spesso, significa che la potenza del contatore non è sufficiente per supportare tutti gli elettrodomestici. La potenza del contatore si può aumentare in qualsiasi momento, contattando il fornitore.

Curiosità: Sapevate che la parola phon, diffusa on-line, in realtà è errata? Il dizionario italiano riporta solo il termine fon, adattamento italiano dal tedesco föhn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top