abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Bonus Idrico: modulo e procedura per la richiesta

bonus acqua

Scopriamo come si richiede il bonus idrico e quali sono i soggetti che possono godere di questa agevolazione. Seguite le nostre linee guide per inviare la richiesta, attraverso il modulo dell'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA). Come viene erogato?


Bonus acqua 2020

Il bonus idrico o bonus acqua è una agevolazione sulla spesa per il servizio di acquedotto a favore delle persone in condizioni di disagio economico o sociale. Prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, questa agevolazione consente di non pagare un quantitativo di acqua a persona (50 litri al giorno).

  • A chi spetta il bonus acqua?
  • UTENTE DIRETTO: utente in condizioni di disagio economico sociale e titolare della fornitura;
  • UTENTE INDIRETTO: utente in condizioni di disagio economico sociale con contratto dell’acqua intestato al condominio.

Per rientrare tra le persone in condizioni di disagio economico, l'indicatore ISEE non deve superare l'importo di 8.256 euro; per le famiglie numerose con almeno 4 figli, l'ISEE non deve essere superiore a 20.000 euro. Coloro che godono del reddito di cittadinanza (con ISEE fino a 8.256 euro) possono richiedere il bonus idrico. L'importo del bonus sarà calcolato nella bolletta dell'acqua.

Come compilare la domanda bonus idrico

La richiesta per ottenere il bonus idrico si deve consegnare al CAF o al proprio Comune di residenza. Quali documenti bisogna consegnare:

  • Modulo A;
  • documento di identità;
  • attestazione ISEE in corso di validità;
  • attestazione con dati e documenti (codice fiscale) dei membri inclusi nell'ISEE.

Bonus idrico modulo

moduli

Per la compilazione del modulo, inoltre, dovrete avere il codice fornitura e il nominativo del gestore idrico (reperibili in bolletta). Per presentare la domanda è possibile delegare un'altra persona, complilando il modulo per la delega. Ricordiamo che il bonus dura 12 mesi e ogni anno si deve presentare la domanda per il rinnovo. In questo caso si può utilizzare lo stesso modulo A per la nuova domanda.

Moduli da compilare bonus acqua
Tipologia Destinatario
Modulo A nuova domanda o rinnovo
Allegato CF composizione nucleo ISEE
Allegato FN Solo per famiglia numerosa
Modulo RS domanda di rinnovo semplificata
 

ATTENZIONE Può capitare un mancato accreditamento del gestore al sistema SGAte. In questi casi l'utente, che viene informato sulla problematica, dovrà rivolgersi direttamente al fornitore (tramite Customer care o sportelli cliente) affinché questo possa effettuare i controlli di propria competenza. 

Quali sono le tempistiche?

Dalla consegna della domanda per il bonus acqua possono passare diversi mesi per ottenere l'agevolazione. Il Comune entro 30 giorni dalla ricezione dovrà verificare la richiesta. Se il soggetto rientra tra gli aventi diritto al bonus, il Comune carica la domanda nel sistema informatico (SGAte) per la trasmissione al gestore. Dopo il caricamento, l'utente riceve una comunicazione sull'esito delle prime verifiche. Dopodiché anche il gestore deve valutare la richiesta (entro 60 giorni) e comunicare alSGAte l’ammissione o il rigetto. Se la domanda viene respinta, l'utente riceve una comunicazione con le motivazioni del rigetto da parte del gestore.

Le fasi del procedimento di verifica e accettazione della richiesta di bonus idrico sono:

  1. Verifica della domanda da parte del Comune
  2. (IPOTESI) Esito positivo: caricamento sul SGAte
  3. Comunicazione all'utente
  4. Verifica della domanda da parte del gestore
  5. (IPOTESI) Esito positivo: comunicazione al SGAte
  6. Bonus in bolletta nella prima fattura utile

Se vivi a Firenze e vuoi maggiori informazioni a riguardo, consulta il quotidiano Qui News Firenze.

Bonus idrico condominiale

In caso di utente indiretto, quindi un utente che abita in un condominio al quale è stato intestato il contratto della fornitura, si può presentare la richiesta per il bonus idrico. Bisogna compilare il modulo A, fornendo informazioni utili riguardo la fornitura centralizzata:

  • codice fornitura;
  • gestore;
  • denominazione/identificativo condominio;
  • indirizzi del condominio;
  • CODICE IBAN del beneficiario del bonus.

Se la richiesta viene accettata, l'utente riceverà un codice che sarà presente anche nella bolletta del condominio con l'importo relativo al bonus acqua. Il bonus garantisce di non pagare 50 litri di acqua al giorno per persona (quantitativo minimo per poter soddisfare i bisogni personali). A livello locale possono essere introdotte poi delle agevolazioni integrative (richiedere al proprio gestore). Inoltre, per capire il valore del bonus acqua bisogna consultare il sito del proprio gestore dove sarà presente la tariffa agevolata applicata.

Aggiornato il