abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico


Grazie alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica, effettuare una ristrutturazione edilizia, ad oggi, risulta essere una scelta conveniente.

Queste agevolazioni risultano un beneficio sia economico che sociale e ambientale. Per tutte le notizie legate al mondo dell'ecologia e dell'ambiente in Lombardia, nello specifico a Varese, consulta Varese7press.it.
Vediamo quali interventi possiamo eseguire approfittando del Superbonus 110% e come intervenire sulla nostra casa per migliorarne la classe energetica.

Ecobonus 110 e risparmio energetico

Grazie agli incentivi statali promossi dal Decreto Rilancio abbiamo la possibilità di realizzare una serie di interventi edilizi finalizzati al risparmio energetico e alla riqualificazione energetica di un immobile ottenendo una detrazione del 110%. In particolare l'Ecobonus 2021 e il SuperBonus 2021 fanno riferimento alla detrazione per i lavori di risparmio energetico e rappresentano ad oggi una delle agevolazioni più importanti per chi vuole ristrutturare energeticamente la propria abitazione ed essere ecosostenibile. Il tema della sostenibilità ambientale oggi è molto importante, è caro a molti consumatori che infatti approfittano di queste detrazioni per ridurre le emissioni inquinanti della propria casa ed adottano atteggiamenti green: scelgono fornitori che producano energia 100% da fonti rinnovabili; limitano l'utilizzo della plastica e acquistano erogatori d'acqua; installano impianti domotici per razionalizzare i consumi; acquistano elettrodomestici efficienti di classe A+ o superiore, etc...
Effettuare un'ottimizzazione energetica fornisce diversi vantaggi in quanto permette non solo di ridurre i consumi di energia e il costo delle bollette, ma rappresenta un investimento importante sul lungo termine, garantendo un aumento del valore immobiliare dell'abitazione. Entriamo ora nel dettaglio, per vedere in che modo è possibile ristrutturare casa per ottenere l'indipendenza energetica e quali interventi finalizzati al risparmio energetico possiamo effettuare all'interno del Superbonus 110%. Come accennato, il decreto Rilancio 2020 ha introdotto una detrazione pari al 110% delle spese relative a specifici interventi di efficienza energetica (anche attraverso interventi di demolizione e ricostruzione) e di misure antisismiche sugli edifici sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 30 giugno 2022, in base al nuovo termine stabilito dalla legge di bilancio 2021. Hai ristrutturato casa e necessiti di un imbianchino a Roma? Rivolgiti ad un vero esperto del settore, vai su www.pittoredile.it

Ecobonus 110, elenco dei lavori trainanti

La detrazione prevista per la riqualificazione energetica degli edifici si applica nella misura del 110 per cento, per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, da ripartire in cinque quote annuali di pari importo e in quattro quote annuali di pari importo per la parte di spesa sostenuta nel 2022, nei seguenti specifici casi, denominati anche interventi trainanti: interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l'involucro dell'edificio con un'incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell'edificio o dell'unità immobiliare situata all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall'esterno. Rientrano nella disciplina agevolativa anche agli interventi per la coibentazione del tetto.

La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a:

  • 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno;
  • 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari;
  • 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore (compresi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all'installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo).

La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a:

  • 20.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
  • 15.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l'edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell'impianto sostituito.

Interventi sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari situate all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A.

L'agevolazione è riconosciuta inoltre, esclusivamente per le aree non metanizzate, per la sostituzione con caldaie a biomassa aventi prestazioni emissive con i valori previsti almeno per la classe 5 stelle. La detrazione prevista è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 30.000 euro ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell'impianto sostituito.

Ristrutturazione edilizia: l'importanza dell'isolamento termico

Tra i più diffusi interventi finalizzati al risparmio energetico troviamo certamente quelli relativi all'isolamento termico. Molta dell'energia consumata per riscaldare e raffrescare la nostra abitazione viene dispersa attraverso tetto, pareti e finestre qualora la nostra casa non sia efficacemente coibentata. Negli immobili non efficientati energicamente gli sprechi di energia possono raggiungere addirittura il 40% contribuendo a un aumento importante della bolletta. Queste dispersioni di energia possono però essere facilmente arginate ed annullate grazie a un corretto isolamento termico, che ci consentirà di risparmiare fino al 70% sui nostri consumi energetici. Una casa ben isolata, oltre al risparmio energetico è in grado di offrire numerosi altri vantaggi, quali isolamento acustico, riduzione dell'umidità e diminuzione degli sbalzi di temperatura all'interno delle stanze, garantendoci in definitiva un miglior comfort abitativo. Tramite l'utilizzo di specifici materiali isolanti, potremo ottenere un'efficace coibentazione termica, aumentando così l'efficienza energetica dell'edificio (con conseguente aumento del suo valore immobiliare) ma anche la vivibilità propria all'interno della casa.

Riscaldamento e risparmio energetico

Oltre a migliorare l'isolamento della nostra abitazione possiamo intervenire strutturalmente anche sul nostro impianto termico, approfittando delle detrazioni fiscali. Un'ottima soluzione per ottenere un risparmio energetico è quella di andare a intervenire sul nostro impianto termico, ad esempio sostituendo la tradizionale caldaia a gas con una pompa di calore, un dispositivo in grado di traferire calore sfruttando una fonte naturale come terra, acqua o aria e trasportandola all'interno dell'abitazione. In alternativa possiamo optare per una caldaia a condensazione, che recuperando i fumi di scarico li utilizza per produrre calore all'interno dell'abitazione, limitando i consumi energetici e l'impatto ambientale. Una pompa di calore e una caldaia a condensazione permettono di consumare molta meno energia rispetto agli impianti di riscaldamento tradizionali offrendo però un maggior apporto di calore. Hai installato un riscaldamento termico e vuoi posare il tuo parquet a Roma? Rivolgiti ad un esperto del settore - - > www.parquettista-roma.it

Aggiornato il