migliore offerta luce

Risparmiamo insieme?

Approfitta di una nostra consulenza gratuita per scegliere un prezzo luce più basso! (lun-ven dalle 8 alle 21 e sab dalle 9 alle 19).

Il nuovo mondo Smart: le Smartcity e le Smarthome


Smart city e smart home sfruttano le nuove tecnologie con l'obiettivo di migliorare la vita degli individui, con un focus su risparmio energetico, sostenibilità e monitoraggio dei consumi. Analizziamo cos'è e cosa caratterizza una smart city e come una casa domotica può aiutare a ridurre i consumi, ottimizzando l'efficienza energetica degli impianti domestici.

Smart city e smart home, innovazione ed efficienza

Smart city e smart home incarnano due concetti che si sono affermati velocemente negli ultimi anni ed entrambi rappresentano un connubio vincente tra innovazione, tecnologia ed efficienza energetica. Le città intelligenti e la domotica condividono lo stesso obiettivo, ovvero il miglioramento della qualità della vita, fuori casa e dentro casa, una gestione smart dei servizi quotidiani, garantendo un importante risparmio energetico e la riduzione delle emissioni inquinanti. Negli ultimi anni l'argomento ambiente è tornato ad occupare le prime pagine dei giornali; Greta Thunberg ha riportato all'attenzione tutte quelle che sono le problematiche ambientali.

Sia le Smartcity che le Smarthome, sfruttano le nuove tecnologie in un'ottica di sostenibilità ambientale, abbracciando da un lato una mobilità sostenibile e dall'altro un'ottimizzazione dei consumi domestici, contribuendo al miglioramento della qualità dell'aria e alla riduzione dell'inquinamento atmosferico soprattutto nelle aree urbanizzate.

La sostenibilità ambientale è infatti un aspetto tanto importante quanto urgente: occorre infatti considerare che circa il 75% della popolazione europea vive all'interno di centri urbani e metropoli, contribuendo tramite consumi energetici e trasporti all'innalzamento dell'inquinamento atmosferico, quarta causa di morte prematura nel mondo. L'80% delle aree urbane europee presentano infatti un inquinamento atmosferico oltre i limiti consentiti dall'OMS e molte città italiane non rispettano i livelli minimi di PM10. É chiaro dunque che una smart city deve porsi in maniera innovativa in termini di efficienza energetica sfruttando rinnovabili e nuove tecnologie per ridurre i consumi energetici e l'inquinamento ambientale. Per approfondimenti riguardo le energie rinnovabili, consulta gli articoli di Edilizia e lavoro.

Le caratteristiche di una Smart City

Il concetto di città intelligente è caratterizzato da diversi aspetti interconnessi tra loro: analizziamo ora nel dettaglio quali sono le principali caratteristiche di una smart city. Una città intelligente fa proprio il concetto di smart economy, dove è il polo urbano a diventare motore stesso dell'economia locale, ponendosi da un lato come un riferimento finanziario in grado di attirare forza lavoro, dall'altro garantendo ai propri cittadini una fruizione smart dei principali servizi. Ad esempio molte smart city offrono in diverse zone una copertura wifi gratuita così da permettere libero accesso ai servizi amministrativi online. Fondamentale è la partecipazione attiva e inclusiva di tutti i cittadini operando una smart governance in grado di mettere al centro i bisogni e il benessere dei cittadini.
Una smart city ha come obiettivo il miglioramento della qualità della vita dei cittadini e uno degli strumenti principali è l'adozione di una smart mobility, che include la possibilità di accedere a piste ciclabili e parcheggi intelligenti volti a ridurre l'inquinamento e velocizzare gli spostamenti da un punto all'altro della città, oltre che usufruire di una mobilità condivisa quale car sharing e bike sharing. L'approccio sostenibile si sviluppa anche attraverso la creazione e la tutela delle aree verdi pubbliche, con un occhio di riguardo in merito alla preservazione del patrimonio naturale.

Esempi di Smart city in Italia

Come accennato una smart city utilizza la tecnologia per semplificare l'approccio e l'utilizzo dei servizi e infrastrutture urbane, lavorando parallelamente per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini. Anche nel nostro paese è possibile trovare diversi esempi di smart city italiane, sebbene i progetti volti allo sviluppo di città intelligenti siano rallentati da una scarsa digitalizzazione nazionale. Il rapporto Icity Rank 2020 fotografa nei dettagli la situazione delle smart city in Italia stilando una classifica delle città più digitalizzate, analizzando diversi elementi quali ambiente, servizi ai cittadini e amministrazione pubblica. La città più smart d'Italia nel 2020 è Firenze, seguita da Bologna e Milano: quest'ultima scende al terzo posto dopo 6 anni in cui si era affermata come capolista. Il rapporto mette in luce anche il grande divario tra Nord e Sud tutt'ora esistente: mentre la maggior parte delle smart city si trova al Nord, sul fondo della classifica troviamo tutte città presenti nel Meridione. Al centro siamo indietro rispetto al nord. Ascolta tutte le notizie relative alla Capitale su RadioRoma.

Casa domotica: come funziona e quali i vantaggi

Anche la domotica mette al centro la tecnologia al servizio dell'efficienza e del risparmio energetico: una casa intelligente infatti permette di diminuire i propri consumi energetici, da una parte ottimizzando i nostri impianti domestici, dall'altra evitando inutili sprechi di energia. Questo si traduce in un importante risparmio energetico e in una riduzione delle bollette di luce e gas: grazie alla domotica e agli strumenti smart è possibile risparmiare fino al 15% sui propri consumi domestici. La domotica ci fornisce soprattutto la possibilità di gestire in modo semplice e intuitivo i diversi impianti domestici, anche da remoto, tramite app dedicate e dispositivi come smartphone e tablet.

Tra i principali vantaggi della domotica sottolineiamo un aumento del comfort domestico, una maggior efficienza energetica e risparmio economico. Inoltre un impianto domotico, grazie all'utilizzo delle tecnologie IoT, è in grado di memorizzare le abitudini domestiche, intervenendo in autonomia per ottimizzare le prestazioni dei diversi impianti. Installando quindi un impianto domotico e un arredamento adatto ai diversi locali, la casa risulterà super confortevole.

Domotica e monitoraggio dei consumi domestici

Grazie al monitoraggio costante dei consumi saremo sempre al corrente di quanto consumiamo in casa e, allo stesso tempo, avremo una panoramica chiara su dove possiamo intervenire per tagliare gli sprechi inutili di energia.
Per risparmiare energia è fondamentale conoscere i propri consumi: un elettrodomestico malfunzionante o di classe bassa, guasti e cattive abitudini possono infatti concorrere a lievitare il costo della bolletta. Monitorando i consumi con la domotica sapremo sempre quanta energia consumiamo in ogni momento, individuando picchi di consumo e intervenendo di conseguenza per ridurli.
Che sia una nuova abitazione o una casa in cui abitiamo da tempo, conoscere i consumi è dunque imprescindibile per risparmiare ma anche per salvaguardare l'ambiente.
Se abbiamo intenzione di traslocare in una nuova abitazione sarà necessario effettuare per tempo anche il trasferimento delle utenze. Per richiedere l'attivazione del contratto luce, dovremo prima verificare lo stato del contatore: se risulta installato ma non ancora attivato, dovremo fare richiesta per una prima attivazione del contatore, mentre se il contatore è stato attivato e il contratto vecchio risulta ancora attivo, dovremo fare richiesta per una voltura delle utenze, con cui andremo solo a modificare l'intestatario delle utenze.

Sul mercato ci sono diversi soluzioni per monitorare i consumi domestici, come i contatori intelligenti, in grado di registrare i consumi elettrici di un'abitazione, così da permettere al cliente di gestire al meglio le utenze ed individuare eventuali sprechi. Oltre ai contatori intelligenti, grazie alla domotica, abbiamo a disposizione diverse soluzioni per il monitoraggio domestico dei consumi. Un esempio pratico ci viene fornito dalle prese smart in grado di fornire non solo un resoconto dei consumi giornalieri, ma di spegnersi in automatico quando la soglia giornaliera di consumi viene superata. Esistono in commercio anche diversi sistemi per il monitoraggio a distanza, in grado di sfruttare la rete wireless, permettendo così la gestione dei consumi tranquillamente da remoto tramite smartphone o tablet.

Aggiornato il