abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Come funziona il mercato dell’energia elettrica in Italia

come funziona mercato elettrico

Vi sarà capitato molte volte di chiedervi che differenza c’è tra un fornitore e un produttore di energia. Questo articolo vi aiuterà a schiarirvi le idee: vedremo gli attori principali del settore energetico e le loro funzioni.


Quali sono le fasi della filiera elettrica? Chi sono gli attori principali del mercato dell'energia elettrica? Vediamolo insieme

Le 5 fasi della filiera elettrica

In un primo momento la materia prima viene convertita in energia elettrica, poi ci sono diversi processi che precedono il consumo di energia nelle nostre abitazioni. Quali sono?

  1. La filiera dell’energia elettrica da un punto di vista “di mercato” si suddivide in 4 fasi:
  2. Generazione
  3. Vendita all'ingrosso
  4. Trasmissione
  5. Distribuzione
  6. Vendita al dettaglio

Il processo di generazione.

centrale
Centrale nucleare

Questa è la prima fase della filiera dell’energia elettrica. Le fonti rinnovabili e fossili vengono trasformate dai produttori in energia elettrica. La fase di generazione si compone a sua volta dell’attività di approvvigionamento delle materie prime, trasformazione di energia primaria in energia elettrica, immissione dell’energia nella rete, costruzione e manutenzione degli impianti. Una volta prodotta, l’energia viene venduta tramite la vendita all’ingrosso.

Dopo la vendita all’ingrosso, l’energia elettrica viene trasportata dalle società produttrici ai distributori locali sulla rete nazionale ad alta tensione. Questa seconda fase della filiera elettrica riguarda la trasmissione. Terna SpA, che opera in monopolio, è il gestore della rete di trasmissione nazionale e ha il compito di consegnare l’energia elettrica nella rete di distribuzione regionale e locale.

I distributori si occupano in primo luogo di trasformare l’energia da alta a media/bassa tensione e in secondo luogo della distribuzione ai clienti finali. Questa è la fase della distribuzione. Le società di distribuzioni sono anche responsabili delle attività di rilevazione dei dati di misura (metering).

Di cosa si occupano i fornitori? Ecco i maggiori fornitori in Italia

I fornitori si occupano di comprare energia elettrica all’ingrosso e di rivenderla al cliente finale (vendita al dettaglio). Inoltre, hanno il compito di rispettare le condizioni del contratto firmato dall’utente, della fatturazione e dell’assistenza al cliente.

I fornitori di energia elettrica attivi in Italia sono tantissimi. Di seguito puoi consultare una lista dei maggiori operatori energetici nel nostro Paese.

I maggiori fornitori in Italia 
Enel Energia È una delle principali aziende italiane nel settore energetico. È una multinazionale produttrice e distributrice di energia elettrica.
Eni Gas e Luce Fondata nel 1953, fornisce elettricità agli italiani fin dal dopoguerra. Questa azienda è impegnata in attività di produzione, trasporto e commercializzazione del petrolio e del gas naturale.
Edison Energia Società fondata nel 1894, è la più antica delle aziende italiane nel settore energetico. Il servizio di fornitura di energia elettrica e gas naturale di Edison è attivo in tutta Italia.
Acea Energia Fondata a Roma, è il terzo operatore del mercato energetico in Italia. È attiva nei settori della produzione, vendita e distribuzione di energia con particolare attenzione a quella generata con fonti rinnovabili.
E.On Energia È una delle società leader a livello mondiale per quanto riguarda le rinnovabili. In Italia fornisce luce e gas naturale, nel mercato regolato e nel mercato libero.

La produzione di energia elettrica in Italia

Il produttore di energia si occupa della vendita all’ingrosso. È la persona fisica o giuridica che produce energia elettrica e la vende nella borsa elettrica o tramite contratti bilaterali.

Come viene prodotta l’energia elettrica in Italia?

In Italia l’energia elettrica viene prodotta attraverso fonti non rinnovabili - come il carbone, il petrolio e il gas naturale - e fonti rinnovabili. Esempi del mercato dell’energia rinnovabile sono l’energia idroelettrica, solare e marina. Secondo il rapporto statistico GSE del 2016, il 37,3% della produzione lorda nazionale del settore elettrico proviene da fonti rinnovabili.

Distributori e gestori: le differenze

I distributori sono responsabili della consegna finale al cliente: trasportano l’energia in media e bassa tensione attraverso le reti cittadine. Si occupano della gestione della rete di distribuzione e dei contatori di cui sono proprietari. Inoltre, realizzano l’allacciamento dell’utente, la misura dell’energia, la lettura del contatore, e altre operazioni tecniche come la riparazione dei guasti.

Qual è la differenza tra gestore e distributore?

Il gestore di rete si occupa solo di trasportare l’energia elettrica sulla rete. La dislocazione dell’energia elettrica avviene su cavi in alta, media e bassa tensione; il metano, invece, viaggia attraverso i metanodotti. A differenza del distributore, il gestore si incarica anche del dispacciamento, ossia della gestione di questi flussi di energia sulla rete.

Che differenza c’è tra mercato libero e tutelato?

In Italia, benché la liberalizzazione del mercato energetico sia iniziata con il decreto Bersani (1999), i consumatori possono ancora scegliere se affidarsi al mercato libero o rimanere nel mercato tutelato. Vediamo la differenza. Il cliente tutelato è colui che ha deciso di non passare al mercato libero e di sottostare alle tariffe regolate dall’Autorità per l’Energia (ARERA). Dal 2022 avverrà la liberalizzazione forzata del sistema energetico italiano e i consumatori non potranno più scegliere tra mercato libero e tutelato.

I clienti liberi sono quelli che decidono di affidarsi al libero mercato, scegliendo liberamente il fornitore. Qui i prezzi sono diversi a seconda delle tariffe offerte dai venditori presenti nel mercato. Dal luglio 2007, come previsto dalla normativa comunitaria, tutti i consumatori sono liberi di lasciare il mercato tutelato per passare al mercato libero dell’energia elettrica.

La tutela del consumatore: ARERA

L’Autorità di regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) si occupa di tutelare i consumatori e di promuovere la concorrenza e l’efficienza nel settore dell’energia elettrica e del gas.

  • Quali sono le sue principali funzioni in tema di energia elettrica?
  • Fissa periodicamente i prezzi massimi per la fornitura di energia
  • Promuove interventi di efficienza nel settore energetico
  • Controlla che non vengano violate le regole della concorrenza
  • Accresce i livelli di tutela del consumatore, accogliendo reclami dagli utenti e cercando di risolvere le controversie tra utenti e fornitori.
  • Fornisce assistenza ai clienti finali tramite lo sportello del consumatore.
Aggiornato il