migliore offerta luce

Risparmiamo insieme?

Approfitta di una nostra consulenza gratuita per scegliere un prezzo luce più basso! (lun-ven dalle 8 alle 21 e sab dalle 9 alle 19).

Pannelli radianti a infrarossi: Quanto risparmio rispetto ai sistemi tradizionali


Una delle soluzioni più consigliate per poter risparmiare economicamente in bolletta è l’installazione di pannelli radianti elettrici a infrarossi ad onda lunga. Questi impianti consumano poco e garantiscono un ottimo benessere in quanto il calore è omogeneo in tutto l’ambiente.

Riscaldamento ad infrarossi e riscaldamento tradizionale

Il sistema ad infrarossi ad onda lunga segue un percorso di riscaldamento corpo riscaldante-masse (pareti, soffitto, pavimento)-corpo umano e non corpo riscaldante-aria-corpo umano. Questo fa si che, quando il riscaldamento a infrarossi ad onda lunga è acceso, le temperature di comfort desiderate vengano raggiunte in modo più lento (ci vuole più tempo a scaldare le pareti che l’aria) ma più efficiente in quanto tutte le masse presenti all’interno della stanza diventeranno a loro volta irradianti e quindi faranno sì che il calore non si disperda in modo rapido (ad esempio aprendo una finestra). Quando si spegne il riscaldamento, le temperature e quindi il comfort termico interno, ci baderanno più tempo a scendere rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali. Con il riscaldamento tradizionale, invece, la temperatura desiderata si raggiungerà in un minore tempo, ma appena si presenta una situazione disperdente (porta o finestra aperta) l’aria calda tenderà ad uscire e quindi l’ambiente si raffredderà più velocemente. Per questi motivi il riscaldamento ad infrarossi ad onda lunga è consigliato nei casi di un utilizzo più frequente e duraturo dell’ambiente.

Riscaldamento a infrarossi a onda lunga VS infrarossi a onda corta e media

È importante menzionare che tutti i corpi riscaldanti emettono infrarossi, ma questi sono di diversi tipi dipendendo dalla lunghezza d’onda. Esistono infatti 3 tipi di lunghezza d’onda: lungo, medio e corto.
Vediamo le differenze principali:

  • Il riscaldamento ad infrarossi a onda lunga, come menzionato, ha un’efficacia e un’efficienza maggiore rispetto agli altri sistemi, perché scalda le masse (pavimento, soffitto e pareti), le quali emanano a loro volta infrarossi che scaldano l’ambiente. Questo significa che, in un ambiente riscaldato da un sistema di infrarossi ad onda lunga, i corpi riscaldanti non saranno solo i radiatori elettrici ma tutti i corpi presenti nella stanza. Questi sono i sistemi di riscaldamento con più benefici per la salute. Questi sistemi sono utilizzati in case ed edifici usati abitualmente, ma non sono adatti ad ambienti senza murature (come le terrazze) o ad ambienti aperti.
  • Gli infrarossi ad onda media, prodotti da sistemi elettrici a fibre di carbonio o cavo riscaldante, e dai tradizionali termosifoni, scaldano l’aria, la quale da la sensazione di calore al corpo umano. In questo caso la sensazione termica non è costante in quanto, per convezione, l’aria calda tende a salire e l’aria fredda a scendere (il caso opposto, ma non migliore, lo abbiamo con il riscaldamento a pavimento dove il corpo umano sentirà i piedi più caldi rispetto alla parte superiore). Questi sistemi di riscaldamento stanno iniziando a diventare obsoleti a causa dei pochi benefici in confronto ai nuovi sistemi che producono infrarossi ad onda lunga.
  • Gli infrarossi ad onda corta, sono prodotti da sistemi di riscaldamento elettrici, come possono essere alcune stufette elettriche o i funghi che vediamo normalmente nella parte esterna di bar e ristoranti. Sono sistemi che permettono di riscaldare l’aria e i corpi che si trovano vicino alla fonte di emissione, ma nel lungo periodo possono risultare dannosi. Per questo motivo si utilizzano normalmente all’esterno.

Le caratteristiche dei pannelli a infrarossi

  1. Riscaldano per irraggiamento, il calore viene trasmesso a tutti i corpi e le masse presenti in un raggio compreso tra i 2 e i 12 metri (le lunghezze d’onda che permettono l’irraggiamento dai 6 ai 12 metri sono prodotte solo dai sistemi ad infrarossi più avanzati);
  2. se i raggi infrarossi incontrano un corpo freddo, l’emissione di raggi IR è massima, se incontrano un corpo già riscaldato (che a sua volta emette infrarossi) il consumo diminuisce sostanzialmente;
  3. la bontà di un pannello da appendere al muro la si vede dal rendimento che ha, ovvero dai metri quadrati che può riscaldare. Un ottimo pannello scalda pochissimo l’aria circostante e cede il massimo dell’energia verso le pareti, il soffitto e il pavimento. Il materiale più emissivo di raggi infrarossi in assoluto è la tecnologia brevettata sviluppata da Celsius, che viene installata all’interno di due vetri temperati e portati sottovuoto. I raggi ad infrarossi a onda lunga NON vengono trasmessi da materiale metallico.
  4. i pannelli IR possono essere dotati di una centralina con un cronotermostato per ridurre il consumo energetico al minimo quando non serve la piena potenza;

Dove e come Installarli

I pannelli a infrarossi ad onda lunga per avere la maggiore efficienza energetica e ottimizzare i risultati dovrebbero essere installati nella parete più fredda della stanza a 10-15 cm dal pavimento in modo che l’irraggiamento possa raggiungere tutte le pareti della stanza. È importante non collocare nulla di metallico di fronte ai pannelli ad infrarossi ad onda lunga. Vanno poi, ovviamente, attaccati alla presa elettrica perché possano funzionare. I pannelli radianti a infrarossi consumano energia in base alla loro potenza nominale di consumo, che può variare tra i 300W e gli 800W. Un pannello da 600W, per esempio, consuma 0,60 kW/h. Quello che differenzia i vari pannelli ad infrarossi sul mercato è il rendimento, ovvero la dimensione della stanza che un singolo pannello riesce a portare alla temperatura desiderata, a parità di Wh utilizzati. Questo dipende dalla capacità di irraggiamento del pannello ovvero fino a che distanza riesce ad irraggiare. I pannelli più economici del mercato riescono ad irraggiare fino ad una distanza di 2m dalla fonte, mentre i più performanti fino a 12m. Quindi con un pannello tra i più performanti del mercato si può riscaldare una stanza fino a 80m2 utilizzando al massimo 550Wh.

Anche l'azienda avgenergia mette a disposizione un'ampia gamma di modelli disponibili in diverse misure e in diverse versioni quali: STANDARD, VETRO DESIGN e QUADRO consigliandoti quelli più adatti alle tue esigenze.

Aggiornato il