Pro e contro dei diversi tipi di caldaie

Tipologie di caldaia

Sul mercato esistono diversi tipi di caldaia, dalle caldaie a gas alle caldaie a condensazione passando per quelle elettriche o a biomassa: per capire quale caldaia è più adatta alle proprie esigenze, analizziamo i pro e i contro dei diversi tipi di caldaie

La caldaia è un elettrodomestico fondamentale che non può mai mancare in casa, ma che allo stesso tempo fa alzare i costi presenti nella bolletta del gas; motivo per cui è importante prestare massima attenzione alla scelta del giusto modello di caldaia. A prescindere dal modello scelto è fondamentale mantenere sempre la caldaia in uno stato di perfetta efficienza e, qualora si incontrasse una problematica, rivolgersi subito a un servizio di assistenza caldaie. Non è sempre facile capire le differenze fra i diversi tipi di caldaia e quali modelli sono più adatti alle proprie esigenze. Vediamo insieme quali sono i pro e i contro dei differenti modelli caldaie disponibili sul mercato.

La caldaia a gas

Le caldaie a gas metano rappresentano il modello maggiormente diffuso nelle case italiane, per riscaldare i termosifoni o provvedere all’acqua sanitaria. Tra i vantaggi di questo modello vi è il prezzo vantaggioso, un ingombro ridotto e il fatto che non è necessario disporre di uno spazio per stoccare il combustibile. Nelle zone che non sono servite dalla rete nazionale, l’alternativa è rappresentata dalle caldaie a GPL, che richiedono uno spazio esterno dove collocare la cisterna di stoccaggio del combustibile liquido. Di contro, una caldaia a gas è considerata mediamente inquinante e il costo della bolletta può oscillare molto in base al costo del gas naturale.

Caldaia a condensazione: come funziona e quali sono i vantaggi

La caldaia a condensazione è un modello più smart e tecnologico rispetto alla caldaia tradizionale, soprattutto riguardo il rendimento energetico e il risparmio sui consumi domestici. Scegliendo un modello a condensazione infatti andremo a ridurre i nostri consumi energetici e le emissioni di C02 nell'ambiente, con un conseguente risparmio economico fino al 40% sulla bolletta del riscaldamento.

Oltre a risparmiare andremo quindi a ridurre il nostro impatto sull’ambiente; questo è possibile grazie alla capacità di questo modello di caldaia di sfruttare tutto il calore contenuto nei fumi di scarico convertendolo in energia e riciclandolo per riscaldare l'abitazione, piuttosto che sprecarlo all'esterno. Tramite la condensazione del vapore acqueo dei gas di scarico, l'impianto recupera i fumi di scarto, trasformandoli in nuovo combustibile e reinserendoli un'altra volta nell'impianto. Alla fine del processo, i residui di fumi che verranno immessi nell'atmosfera, oltre che essere in quantità notevolmente inferiore, avranno una temperatura di circa 40°, molto più bassa rispetto ai 140°-160° dei fumi della caldaia tradizionale.

Caldaia a biomassa

La caldaia a biomassa rappresenta un'alternativa sostenibile ed economica alla caldaia tradizionale poiché utilizza appunto come combustibile la biomassa, ovvero un materiale organico di derivazione vegetale: in genere parliamo di residui provenienti da coltivazioni agricole o da attività industriali della lavorazione del legno e della carta. Questo combustibile genera comunque energia elettrica o termica, ma lo fa producendo bassissime emissioni inquinanti.
Le biomasse possono essere di vario tipo:

  • Legna da ardere, di solito di provenienza boschiva;
  • Pellet, ovvero sarti di lavorazione del legno resi in cilindretti pressati;
  • Cippato, quindi pezzettini di legno ricavati da scarti di segherie;
  • Segatura derivante da scarti industriali.

Vantaggi della caldaia a biomassa

Come accennato in precedenza uno dei principali vantaggi della caldaia a biomassa è quello ambientale: la quantità emessa nella combustione è pari a quella di cui hanno bisogno le piante per crescere quindi il bilancio di anidride carbonica è neutro. Altro vantaggio è sicuramente quello economico; l’investimento è effettivamente oneroso, ma nel lungo periodo si avrà un notevole risparmio economico. Inoltre il costo della materia prima è inferiore rispetto a quello dei combustibili fossili e non subisce le diverse oscillazioni di prezzo legate all'andamento dei mercati. Infine non ha bisogno di manutenzione o pulizie frequenti, né di lavori di muratura per l installazione.
Per qualsiasi tipo di caldaia è comunque fondamentale mantenere uno stato di perfetta efficienza e, in caso si notassero malfunzionamenti, è bene rivolgersi subito a un servizio di assistenza caldaie che saprà aiutarti nel migliore dei modi.

Le Caldaie a pompa di calore e le caldaie elettriche

Altra soluzione ecosostenibile e molto utilizzata negli ultimi tempi è la caldaia a pompa di calore, una tecnologia che per produrre energia si basa sull’utilizzo di una fonte rinnovabile come aria o acqua. Per poter prendere l’aria fredda dall’esterno e portarla a un livello di temperatura più elevato per il riscaldamento di una casa, basta un semplice scambiatore di calore. Rispetto alle tradizionali caldaie a gas, questo modello garantisce un risparmio energetico fino al 75% sulla bolletta.
Le caldaie elettriche invece rappresentano la soluzione più idonea per chi vuole fare a meno del combustibile. Questo modello permette di riscaldare l’acqua tramite una resistenza elettrica, evitando così di rilasciare fumi di scarico. I vantaggi sono sicuramente importanti: alto rendimento, un basso impatto sull'ambiente e bassissimi costi di manutenzione. Questa è ancora più conveniente se unita a un impianto fotovoltaico con sistema di accumulo.

Aggiornato il