migliore offerta luce

Risparmiamo insieme?

Approfitta di una nostra consulenza gratuita per scegliere un prezzo luce più basso! (lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18).

abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Teleriscaldamento, come funziona? Costo allaccio

teleriscaldamento

Il teleriscaldamento può portare dei benefici al condominio che decide di utilizzarlo. È diffuso soprattutto nel Nord Italia: oggi circa 240 Comuni usufruiscono dei sistemi TLR sul territorio nazionale. Ma conviene a tutti? La risposta è NO. Cerchiamo di approfondire insieme questo argomento.


Teleriscaldamento, cos'è?

Il teleriscaldamento consente di riscaldare gli ambienti, di produrre acqua calda sanitaria e di raffrescare la casa (trigenerazione). Il calore prodotto da una centrale di cogenerazione termoelettrica viene trasportato attraverso una rete di tubature isolate e interrate fino agli edifici, per poi tornare alla centrale di produzione per riportarla alla massima temperatura e ricominciare il ciclo. Le centrali di produzione possono ultilizzare combustibili fossili (es. il carbone), biomasse o termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani (RSU). In alcuni Paesi, come in Russia, si usa anche la cogenerazione da centrali nucleari

DefinizioneLa cogenerazione è la produzione contemporanea di energia meccanica e di calore per il riscaldamento di edifici. L'energia meccanica viene trasformata in energia elettrica.

In Italia, secondo il rapporto del GSE, ci sono 300 sistemi di teleriscaldamento in 240 Comuni, collegati a una rete di 4600 km. Sempre secondo l'analisi del GSE, il 73% dei sistemi di teleriscaldamento e il 69% dei sistemi di teleraffrescamento attivi sul territorio italiano sono efficienti. Gli impianti sono prevalentemente alimentadi da fonti fossili; nel 2017 l'energia immessa nelle reti è stata pari a circa 11,3 TWh termici, di cui il 64% proveniente da centrali alimentate da gas naturale.

Fonte: Rapporto GSE 2019 - TELERISCALDAMENTO E TELERAFFRESCAMENTO IN ITALIA

Come funziona il Teleriscaldamento?

Il teleriscaldamento consente di riscaldare gli edifici tramite del calore, prodotto in una centrale e trasportato attraverso delle tubature. Il sistema di distribuzione del calore può essere diretto e indiretto:

radiatore
  1. DIRETTO: collegamento diretto con il dispositivo scaldante dell'utente (radiatore)
  2. INDIRETTO: più circuiti separati mantenuti in contatto attraverso scambiatori di calore

Un tecnico specializzato farà un sopralluogo per vedere dove realizzare il percorso delle tubazioni di allacciamento e capire le eventuali autorizzazioni territoriali da richiedere. Attraverso delle sotto-centrali il calore arriva all'impianto dell'abitazione e consente di riscaldare gli ambienti ed utilizzare acqua calda sanitaria. Generalmente, l'acqua calda trasportata attraverso le tubature è a 80-90 °C.

Pro e contro del Teleriscaldamento

Una centrale termoelettrica a gas disperde circa la metà dell'energia prodotta nell'ambiente sotto forma di calore. Per questo motivo, con il teleriscaldamento e teleraffrescamento viene utilizzata in maniera più efficiente l'energia primaria. Oltre al sistema di produzione più efficiente, il teleriscaldamento elimina eventuali rischi dovuti alla presenza della caldaia (es. fughe di gas). Vediamo nello specifico pro e contro dell'impianto di teleriscaldamento.

Vantaggi e svantaggi teleriscaldamento
Pro Contro
  • zero spese di acquisto e revisione della caldaia
  • più sicurezza in casa
  • riscaldamento centralizzato
  • riduzione inquinamento grazie alle fonti rinnovabili
  • investimento costoso
  • prezzi alti dell'energia venduta
  • impianti rumorosi
 

Teleriscaldamento costi

radiatore

I costi per il teleriscaldamento dipendono dai lavori che si devono svolgere per realizzare il percorso delle tubazioni di allacciamento. Generalmente i costi comprendono le spese per le autorizzazioni (relative al suolo pubblico); lavori di scavo e ripristino delle strade attraversate; la posa delle tubazioni e l’installazione del sistema di contabilizzazione dell’energia termica fornita. Il soggetto interessato può richiedere al Gruppo di vendita di eseguire un sopralluogo, questo permetterà alla società di stilare un preventivo con tutte le spese per l'operazione. Tra i gruppi più importanti che si occupano di teleriscaldamento troviamo: 

  1. A2A
  2. Eni
  3. Hera

Teleriscaldamento Milano, Roma e Torino

Gli impianti di teleriscaldamento si trovano soprattutto nel Nord Italia: Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, ed Emilia-Romagna. Dal 1984 anche Roma ha un impianto di teleriscaldamento, gestito da ACEA, che è attivo per le zone del Torrino e Mostacciano. A Milano è presente il termovalorizzatore "Silla2" che è in grado di erogare fino a 160 MW termici. La rete di teleriscaldamento, attraverso un sistema di cogenerazione, arriva al quartiere Gallaratese, Pero, la Fiera di Milano e in zona città Studi. Il recupero di calore della centrale termoelettrica di Sondel consente di raggiungere la zona di Sesto San Giovanni. L'impianto di “Canavese” arriva fino in centro e produce energia elettrica e calore in cogenerazione utilizzando anche l'energia geotermica. Infine, Torino è la città più teleriscaldata d'Europa con oltre 470 km di rete.

Aggiornato il