abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Energie rinnovabili in Italia: le 2 città 100% Clean Energy

energia verde

Le energie rinnovabili derivano da fonti rinnovabili come l’acqua, il vento, la forza geotermica e il sole. Perché ad oggi rappresentano una risorsa per il nostro pianeta? In Italia l'energia verde è in forte crescita. Due capoluoghi italiani fanno parte della classifica mondiale delle città 100% rinnovabili. Il basso impatto ambientale delle fonti rinnovabili è il vantaggio principale, anche il risparmio sui costi dei consumi è un fattore importante per il cittadino.


Cosa sono le energie rinnovabili?

Purtroppo, da parecchi anni, vengono sfruttati i combustibili fossili (petrolio, carbone, metano,..) per produrre energia. Ai ritmi attuali di produzione energetica, tali materie prime rischiano di esaurirsi, gli esperti dicono che il petrolio potrebbe durare ancora per poco: 85 anni. E il carbone circa 1 secolo. Ovviamente, parliamo con uno sguardo rivolto alle future generazioni e all'eredità di valori naturali che gli lasceremo. 

Perché l'energia verde fa bene? Si punta alle energie rinnovabili per tutelare l’ambiente. L’utilizzo di fonti rinnovabili, infatti, non prevede l’emissione CO2, né quella di sostanze nocive per l’uomo nell’atmosfera.

Parliamo di fonti illimitate che in Italia già si stanno sviluppando da diverso tempo. Pensate che circa il 37,3% della produzione lorda italiana del settore elettrico proviene da risorse rinnovabili.

eolico

Le energie rinnovabili sono suddivise in:

Energia idroelettrica: vantaggi e svantaggi

L’Europa è uno dei maggiori produttori di energia idroelettrica, dopo l’Asia. In Italia è la prima energia rinnovabile: rappresenta il 39% della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Già diffusasi nel primo dopoguerra, l’energia idroelettrica viene ricavata attraverso un impianto di ingegneria idraulica che trasforma l’energia potenziale di una massa d’acqua in movimento in energia elettrica. Vengono costruite dighe e condotte forzate di laghi e fiumi affinché l’acqua si accumuli in conche artificiali (centrali idroelettriche ad accumulo). Nel bacino artificiale l’acqua viene trasportata con velocità a valle attraverso delle condutture forzate. Da qui l’energia cinetica viene trasformata in elettricità grazie alle turbine e al trasformatore delle centrali.

Le centrali idroelettriche possono essere anche ad acqua fluente , ossia prive di dighe poiché sfruttano la risorse naturali disponibili (la portata di un corso d’acqua).Purtroppo la produzione di elettricità in questo caso dipende dalle condizioni meteorologiche: lunghi periodi di siccità causano un calo della produzione che non dipende dalla centrale.

Energia solare, come funziona?

Il sole è una risorsa illimitata e ci consente di produrre elettricità attraverso l’energia delle sue radiazioni. Per sfruttare l’energia solare esistono due principali tecnologie:

I pannelli solari sono utilizzati per riscaldare l’acqua utilizzata in casa mentre i pannelli fotovoltaici ricavano elettricità dall’energia solare. L’impianto fotovoltaico può essere collegato alla rete elettrica o isolato quando la rete elettrica è difficile da raggiungere (ad esempio nelle case di montagna). In questo caso, l’energia elettrica prodotta viene immagazzinata in batterie di accumulo.

I costi per l’installazione di un impianto sono elevati ma con la legge di bilancio 2018 gli impianti fotovoltaici rientrano nelle ristrutturazioni edilizie e prevedono uno detrazione fiscale del 50% per tutto il 2018.

Tenere sotto controllo il valore di mercato del proprio impianto fotovoltaico, soprattutto se di potenza superiore ai 20 kWp, è utile sia in una prospettiva di cessione del bene, che di realizzazione di interventi onerosi di manutenzione straordinaria (revamping)

Energie rinnovabili in italia

L’Italia può andare fiera dei risultati raggiunti in tema di sostenibilità ambientale. La CDP, organizzazione no-profit ambientalista, ha stilato una classifica delle città più “clear energy”. In tutto sono state esaminate - nel 2017 - 570 città e ben 101 risultano aver passato il “green” test. Il 70% dell’energia elettrica di queste cities proviene da fonti rinnovabili. Un risultato che evidenzia un grande progresso: nel 2015 solo 45 furono dichiarate “rinnovabili”.

Ma ora vi sveliamo quali sono le 2 green energy cities made in Italy:

  1. Bolzano
  2. Oristano

Bolzano ricava il 100% della sua energia dalla produzione di energia rinnovabile, nello specifico da fonti idroelettriche. La cittá del Nord Italia ha in programma per il 2030 un progetto per ridurre l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Oristano, invece, ricava il 70% della sua elettricità da energia idroelettrica e solare.

InfoQuesti due capoluoghi italiani rientrano in una lista che vede l’eco-sostenibilità in tema energetico di tante altre città nel mondo. Come la Svizzera, dichiarata 100% rinnovabile, Reykjavík e Basilea alimentate da energia pulita.

Aggiornato il