migliore offerta luce

Risparmiamo insieme?

Approfitta di una nostra consulenza gratuita per scegliere un prezzo luce più basso! (lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18).

abbassare la bolletta

Risparmiamo insieme?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita per scegliere la migliore offerta luce e gas.

Canone Rai Rimborso e Modulo Esenzione

canone-rai

Il canone Rai in bolletta non è obbligatorio per tutti. Ci sono dei casi particolari in cui i consumatori non devono pagare il canone. Gli utenti possono ottenere un rimborso e inviare il modulo per la richiesta di esenzione. Scopriamo chi non deve pagare il canone Rai e come si inviano i moduli.


Canone Rai Costo

Quanto costa il canone RAI
Pagamento annuale Addebito mensile
90 euro 9 euro per 10 mesi
pagamento mediante F24 pagamento mediante addebito sulle fatture emesse dalle imprese elettriche o sulla pensione

Il canone Rai è un’imposta sulla detenzione di apparecchi televisivi in Italia. Tale tassa venne istituita nel 1938, sotto Benito Mussolini, con il Regio decreto n.246 del 21 febbraio, convertito dalla legge 4 giugno 1938, n. 880.

Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto

INFO UTILEPer evitare fraintendimenti a causa del termine “apparecchi”, la Rai ha specificato in un comunicato stampa del 2012 che si riferisce solo alle tv, no a pc, smartphone e altro. Il canone Rai 2020 è pari a 90 euro e viene suddiviso in 10 rate mensili da gennaio a ottobre.

Da gennaio 2020, i consumatori dovranno pagare in bolletta 9 euro al mese per il canone della Rai, 18 euro in caso di fatturazione bimestrale. Chi non paga il canone Rai può ricevere multe salate: da 200 a 600 euro. Anche se ci sono delle eccezioni, alcuni utenti (come gli over 75) sono esenti da questa imposta. A patto che i familiari risiedano nella stessa casa, si paga un canone a famiglia.

  • Vediamo chi deve pagare questa imposta:
  • Tutte le persone con uno o più televisori, anche se non guardano i programmi Rai
  • L’intestatario dell’utenza
  • I residenti all’estero con una casa di proprietà in Italia
  • A prescindere dal numero di apparecchi televisivi in casa, il canone si paga una sola volta per famiglia anagrafica (risultante dallo stato di famiglia)

Canone Rai Esenzioni

  • Chi non deve pagare il CANONE RAI?
  • Tutti i soggetti che non sono in possesso di una tv, e nello specifico:
    1. Con due o più immobili di proprietà, si paga il canone Rai solo dove si ha la residenza anagrafica
    2. Se si possiede solo la radio in casa, e quindi non ci sono tv, non si paga
    3. Se ci sono solo televisori vecchi analogici e computer
  • Anziani con età maggiore di 75 anni con reddito complessivo familiare dell’anno precedente non superiore a 8.000 euro

I consumatori titolari di un’utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale che non hanno più tv in casa, possono disdire l'abbonamento. Basta compilare la dichiarazione sostitutiva e spedirla a mezzo del servizio postale all'Ufficio Canone TV - c.p.22 Torino - per plico raccomandato senza busta con una fotocopia del documento d'identità.

Rimborso canone rai

Chiunque abbia pagato il canone Rai in bolletta pur non avendo apparecchi televisivi in casa può chiedere il rimborso all’Agenzia delle Entrate, compilando l'apposito modulo. La richiesta deve essere inviata con raccomandata al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 - 10121 Torino. Il rimborso viene effettuato dal fornitore mediante accredito sulla prima fattura utile (entro 45 giorni dalla ricezione delle informazioni dall'Agenzia delle Entrate).

INFO RIMBORSOSi può chiedere il rimborso quando l'utente ha pagato il canone mediante la bolletta della luce che, però, è stato già pagato da un altro componente della sua famiglia anagrafica con altre modalità.

Come richiedere esenzione Canone Rai

I contribuenti che vogliono disdire l’abbonamento Rai, poiché in possesso dei requisiti per essere esonerati, possono compilare e inviare (a mezzo raccomandata) il modello scaricabile sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Le richieste vanno inviate dal 1º luglio dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno di riferimento per ottenere l’esonero dal pagamento dell’intero anno. Ad esempio per ottenere l’esonero dell’anno 2020 si dovrà presentare la dichiarazione di non detenzione entro il 31 gennaio 2020. Altrimenti, si può essere esonerati dal pagamento del semestre luglio-dicembre se si invia il modulo entro il 30 giugno dell’anno di riferimento. Questa dichiarazione deve essere presentata annualmente.

In caso di presentazione di un'altra utenza elettrica per l’addebito, si può inviare, sempre all’Agenzia delle Entrate, il modello compilato (quadro B) in qualsiasi momento dell’anno.

Possono richiedere l'esonero:

  1. Contribuenti con utenza elettrica per uso domestico residenziale non in possesso di un apparecchio tv
  2. Over 75
  3. Diplomatici e militari stranieri

Modello F24 Canone Rai

Il modello di pagamento unificato F24 si utilizza nei casi in cui un soggetto non sia l’intestatario delle utenze.  Pensate ai portieri che vivono nelle abitazioni messe a disposizione dal condominio e utilizzano la tv.
Anche i contribuenti con una fornitura di energia elettrica non interconnessa con la rete di trasmissione nazionale devono utilizzare il modello F24.

Quando si può pagare tramite F24?Nel caso in cui ci siano inadempienze e l’importo non venga addebitato in bolletta si può effettuare il pagamento tramite F24.

Canone Rai speciale

Il canone tv ordinario abbiamo visto che si riferisce all’abitazione privata. Al contrario, il canone speciale si rivolge a tutto ciò che è al di fuori dall’ambito familiare: attività commerciale, come alberghi, B&B, uffici, case di riposo, ecc…Questo canone si riferisce anche all’utilizzo della radio e le tariffe speciali cambiano a seconda delle categorie di riferimento.

Aggiornato il