Quanto Costa e Come migliorare la Classe Energetica della casa?

attivazione contatore

Vuoi risparmiare in bolletta?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato gratuitamente per confrontare le offerte con l'aiuto di un nostro esperto.


Migliorare la classe energetica della propria abitazione offre numerosi benefici, tra cui una maggior efficienza degli impianti e la riduzione dei consumi energetici che si traduce in un osto più basso in bolletta. Ecco nei dettagli cosa si intende per classe energetica e come è possibile migliorarla: gli interventi i costi e le modalità che permettono di aumentare l'efficienza dell'immobile, ridurre i consumi e migliorare la classe energetica.

Classe energetica di un immobile, cos'è

Negli ultimi anni si è sviluppata una crescente consapevolezza nei confronti della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico. Questo atteggiamento, unito alle detrazioni fiscali offerte dal Superbonus 110% ha spinto molte persone a intervenire per migliorare la classe energetica del proprio immobile. Ma cosa si intende esattamente con la classe energetica? Ogni abitazione viene valutata in base a delle specifiche tecniche, come l'isolamento termico e l'efficienza degli impianti che andranno poi a determinarne la classe energetica, identificata a mezzo di una scala di valori dalla G alla A. Quest'ultima è stata poi ulteriormente suddivisa in 4 sotto classi, da A+ a A++++, denominate anche da A1 a A4. L'appartenenza di un immobile a una classe energetica si riflette nei consumi domestici: più alta sarà la classe energetica di un immobile, minore sarà il consumo di energia necessario per attivare gli impianti e i dispositivi al suo interno. Consumare meno energia non solo permette di risparmiare sulla bolletta di luce e gas, ma favorisce anche il pianeta, in quanto si andranno ad utilizzare meno combustibili fossili, riducendo di conseguenza le emissioni di C02 nell'atmosfera. Tra i vantaggi non c’è solo il risparmio sui costi delle bollette, un importante beneficio è a favore del nostro ambiente.

Cos'è e come funziona l'APE

Per poter definire la classe di prestazione energetica di un immobile è necessario fare richiesta di un APE (Attestato di Prestazione Energetica). Si tratta di una certificazione obbligatoria che occorre sempre presentare quando si vende o si affitta l'immobile. L'obbligo di ottenere il certificato spetta al proprietario di casa e deve essere sempre riportata anche nella descrizione degli annunci immobiliari. L'APE può essere rilasciato solo in seguito alla verifica di un tecnico qualificato, in grado di valutare i diversi parametri e stabilire la classe energetica di appartenenza. Il certificato ha una validità di 10 anni ma occorre rinnovarlo ogni volta che si svolgono dei lavori che vadano a influire sulla prestazione energetica dell'immobile e che, di conseguenza, potrebbero mutare la classe energetica dell'immobile. Quanto costa migliorare la classe energetica? L'attestato di Prestazione Energetica ha un costo di circa 150 euro ma può essere sottoposto a variazioni di prezzo a seconda della città e della regione dove è situato l'immobile. In genere nel Nord Italia e soprattutto nelle città metropolitane, l'APE ha un costo leggermene più elevato rispetto ai piccoli centri del centro e Sud Italia. É sempre preferibile affidarsi a un tecnico qualificato in grado di effettuare un'analisi approfondita e fornire una corretta valutazione della classe energetica, fondamentale per conoscere i propri consumi energetici domestici e capire dove eventualmente intervenire. Se decidi di trasferirti, di cambiare abitazione, affidati allo stesso modo ad una ditta specializzata in traslochi, a livello nazionale.

Come migliorare la classe energetica della casa

Ci sono diversi lavori che possono essere svolti per migliorare la classe energetica della propria abitazione e riuscire anche a raggiungere la classe energetica a. In particolare gli ambiti dove è possibile intervenire sono:

  • Coibentazione (Isolamento)– Una corretta coibentazione permette di ridurre le dispersioni di calore, oltre ad evitare la formazione di condensa e muffe. Intervenire sul cappotto termico può condurre al miglioramento di almeno due classi energetiche.
  • Sostituzione serramenti – sostituire gli infissi vecchi con modelli di nuova generazione, a doppio o triplo vetro, permette di evitare spifferi e perdite di calore.
  • Sostituzione caldaia – sostituire gli impianti caldaia obsoleti con impianti più performanti permette di aumentare l'efficienza energetica dell'immobile. Sostituire una caldaia vecchia con una caldaia a condensazione permette di diminuire notevolmente i consumi di energia.
  • Per raggiungere la classe energetica A, sarà necessario intervenire su almeno due o più aspetti dell'abitazione. Se il nostro obiettivo è il miglioramento della classe energetica della nostra abitazione è possibile sfruttare le nuove tecnologie, come la domotica, o appoggiarci alle fonti rinnovabili. Con il Superbonus 2020 è possibile ottenere una detrazione fiscale fino al 110% per interventi mirati alla riqualificazione energetica dell'immobile. Tramite questi lavori è possibile ridurre i propri consumi energetici, migliorare l'efficienza energetica degli impianti, ridurre le bollette di luce e gas e migliorare la classe energetica dell'immobile.
  • Ecco alcuni interventi che possiamo effettuare:
  1. Installare un impianto fotovoltaico: grazie ai pannelli solari possiamo trasformare la luce del sole in energia elettrica e sfruttare energia pulita per i nostri consumi domestici. Inoltre, installando un sistema di accumulo potremo immagazzinare l'energia prodotta ma non ancora utilizzata per sfruttarla durante le ore notturne.
  2. Sfruttare l'energia eolica: integrando nella nostra abitazione un mini impianto eolico domestico potremo coprire fino all'80% del fabbisogno energetico quotidiano e diminuire le emissioni di C02
  3. Realizzare un impianto domotico: trasformare la propria casa in una smart home permette di ridurre notevolmente i consumi e aumentare l'efficienza energetica degli impianti
Aggiornato il