Quanto consuma un PC? Differenze tra portatile e fisso

migliore offerta gas

Serve una mano?

Ti aiutiamo a scegliere l'offerta migliore in base alle tue esigenze di consumo. Servizio Gratuito (lun-ven dalle 8:30 alle 19 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18).

attivazione contatore

Ti va di risparmiare in bolletta?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato.

pc consumo

Scopriamo insieme quanta energia assorbe un pc. Conviene utilizzare un fisso o un portatile per ridurre i consumi energetici in casa e in ufficio? Vediamo quale modello consente di risparmiare sulla bolletta della luce.


Come calcolare il consumo di un pc

Il consumo energetico di un pc (personal computer) può variare a seconda del modello. Il computer fisso, proprio perché costituito da più apparecchi, assorbe più energia di quello portatile. Se avete una bolletta della luce troppo alta e volete ridurre i consumi, in primis dovete capire quanto pesa il consumo energetico del vostro pc sulla fattura dell’elettricità.

L’elettricità consumata si calcola in kWh, nel mercato di maggior tutela oggi (II trimestre 2019) 1 kWh costa 19,89 centesimi di euro. Per capire quanto consuma un normale desktop da ufficio, dobbiamo considerare diversi fattori:

  • la potenza dell’unità di alimentazione interna;
  • la velocità dell’apparecchio;
  • il collegamento di altri dispositivi.

Prendiamo come riferimento un desktop Dell Inspiron Classico con un’unità di alimentazione interna di 290 W. Sempre per effettuare il nostro calcolo, dobbiamo convertire i W in kW (1000 W equivalgono a 1 kW). In 1 ora il nostro desktop consumerà circa 0,29 kWh (abbiamo considerato il prezzo tutelato del kWh per un cliente domestico). A questo dato dobbiamo aggiungere il consumo del monitor. Uno schermo Dell 23 pollici (modello S2319H) consuma circa 3 Wh, ossia 0,003 kWh. Se aggiungiamo ai nostri calcoli anche una stampante Epson ECOTANK ET-M1170, bisognerà aggiungere 0,003 kWh. Dobbiamo dire che una stampante in funzione consuma leggermente di più: 0,013 kWh. Quindi, il consumo totale del pc fisso durante 1 h sarà di 0,3 kWh che moltiplicato per 8 (le ore di lavoro in ufficio) porterà a 2,4 kWh. Al mese, il costo per l’ufficio di una sola postazione di lavoro sarà di 10 euro (2,4 x 20 x 0,1989). Il consumo stimato annuale è di 120 euro.

La spesa in casa sarà inferiore poiché il computer viene utilizzato di meno rispetto al lavoro in un ufficio, anche se i giorni di utilizzo domestico (al mese) per il calcolo aumentano da 20 a 30. Consideriamo 4 h al giorno di utilizzo: 0,3 kWh x 4=1,2. Il costo mensile è di 7 euro (1,2 x 30 x 0,1989). Invece, il costo annuale è di 87 euro.

Consumo energetico in casa e in ufficio
  Postazione desktop ufficio Postazione desktop casa
consumo giornaliero (kWh) 2,4 1,2
costo mensile (€) 10 7
costo annuale (€) 120 87

RIDUCI LA BOLLETTA 02 829 415 16 Parla con un esperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18
Chiamata Gratuita Info

Un pc portatile, invece, per ricaricare la batteria scarica, avrà bisogno di meno energia. In generale, il caricatore ha una potenza massima di 60 W, che corrisponde a 0,06 chilowatt. Un paio d’ore di ricarica equivalgono a circa 0,12 kWh consumati; in un mese si può arrivare a spendere poco meno di 1 euro. E una volta ricaricata la batteria, il pc portatile può non essere collegato alla presa elettrica. In un anno se consideriamo solo la ricarica della batteria, il costo sarà di circa 9 euro (0,12 x 365 x 0,1989).

InfoRicordiamo che la batteria di un portatile non si deve scaricare completamente (può arrivare anche fino al 10-15%). Inoltre, sarebbe meglio ricaricare il pc quando è spento.

Comparazione PC fisso e portatile
  COSTO ANNUALE (€)
PC FISSO 87
PC PORTATILE 9

Quale modello scegliere?

Dopo aver analizzato i consumi energetici del computer fisso e portatile, possiamo considerare altri aspetti che ci possono aiutare nella scelta del nostro futuro pc. Il computer portatile, negli ultimi anni, è stato introdotto anche negli uffici, dove prima regnava il pc fisso. Questo perché la concezione del lavoro, col passare del tempo, è cambiata. Ora si sta sviluppando sempre più lo smart working, una nuova filosofia manageriale che prevede flessibilità oraria e una scelta libera delle decisioni e degli spazi dove lavorare, per rendere l’individuo protagonista nel suo lavoro. In questa nuova ottica organizzativa dell’azienda, fornire un computer portatile ai propri dipendenti è fondamentale, poiché può essere trasportato ovunque.

In casa, invece, con l’avvento di Netflix e altri siti che consentono di guardare film, molte persone preferiscono guardare una serie tv con il pc piuttosto che la televisione. Anche qui, il portatile risulta molto più comodo rispetto al fisso.

CuriositàIl computer fisso è generalmente più potente del portatile. Ricordiamo, però, che non tutti i pc fissi sono adatti al gaming. I pc adatti al gaming sono più costosi di quelli standard e consumano più energia!

Che differenza c'è tra un pc portatile e un fisso?

Riassumendo, i vantaggi del computer fisso sono:

  • è facile da aggiornare;
  • in genere vanta migliori performance rispetto al portatile;
  • il prezzo è inferiore rispetto al portatile.

 

Gli svantaggi di avere un pc fisso sono legati alle dimensioni di tale apparecchio che se collegato a diversi dispositivi, come stampante e doppio monitor, richiede una scrivania, per avere una postazione comoda dove lavorare o passare il tempo.

  • I vantaggi del pc portatile sono:
  • è pratico, perché può essere trasportato ovunque;
  • è leggero e non ha bisogno di spazi grandi per essere utilizzato (come una scrivania).

Gli svantaggi del pc portatile possono essere legati al prezzo che a volte, a seconda del modello, può risultare un po’ caro. Scegliere un pc non è facile, bisogna considerare diversi aspetti (la destinazione, lo spazio che si ha a disposizione, ecc.). Lasciamo a voi la scelta, sperando che questa breve guida possa esservi di aiuto!

Aggiornato il