Mercato libero energia 2020, cosa cambia?

Entro luglio 2020 tutti i clienti del mercato tutelato dovranno passare al mercato libero. Cosa cambierà per i consumatori? Il mercato libero conviene veramente? Sommario :

Cos’è il mercato libero?

energiaNel mercato energetico italiano i consumatori possono scegliere ancora il servizio di maggior tutela. La liberalizzazione nel nostro Paese è iniziata con il decreto Bersani nel 1999 (Dl. n. 79 del 16 marzo 1999). Ma solo nel 2007 c’è stata l’apertura del mercato libero ai clienti domestici. Che cosa comporta il mercato libero? È semplice. Tutti i clienti possono scegliere l’offerta luce e gas di mercato più conveniente in base alle loro esigenze. Inoltre, nel mercato libero i fornitori offrono servizi extra con la sottoscrizione del contratto di fornitura di energia elettrica. Parliamo di buoni sconto, servizi di manutenzione impianti e tanto altro. Al contrario, nel Servizio di Maggior Tutela le condizioni economiche e contrattuali sono fissate da ARERA (Autorità per l’Energia). I prezzi nel mercato tutelato sono soggetti a variazioni ogni tre mesi. Il mercato di Maggior Tutela scomparirà a partire dal 1º luglio 2020.

Conviene passare al mercato libero?

Molte famiglie si chiedono se sia conveniente lasciare il Servizio di Maggior Tutela. In linea generale, possiamo dire che i fornitori che operano nel mercato libero offrono più servizi agli utenti. Inoltre,  l’Authority per l’Energia ha introdotto due nuove offerte, Tutela Simile e PLACET, proprio per agevolare questo passaggio e tutelare i consumatori.

Tariffa PLACET

L’Autorità per l’Energia, in coerenza con la legge n. 124/2017 , per facilitare il cambiamento che dovranno affrontare i clienti tutelati nel 2020, ha introdotto l’offerta PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela).  Tutti i fornitori di elettricità e gas nel mercato libero devono offrire, nel proprio pacchetto di offerte luce e gas, un’offerta a prezzi stabiliti liberamente e con condizioni contrattuali definite da ARERA. L’offerta PLACET nasce per:
  • facilitare scelte consapevoli e informare i consumatori;
  • “tutelare” il passaggio al libero mercato.
Hanno diritto a questa tipologia di offerta:
  • clienti domestici e business connessi in bassa tensione (per il settore elettrico);
  • titolari di PDR (punto di riconsegna) con consumi annui inferiori a 200.000 Smc (per la fornitura di gas).
Il contratto ha durata indeterminata con condizioni economiche rinnovabili dopo un anno. Il fornitore deve informare tre mesi prima della scadenza delle condizioni economiche (12 mesi), le eventuali modifiche del prezzo che applicherà nel periodo successivo.

I maggiori fornitori nel mercato libero

Nel 2016, come riporta la Relazione Annuale di Arera 2017 sullo stato dei servizi e sulle attività, le società di vendita nel mercato libero erano 542, di cui 48 rimaste inattive durante l’anno analizzato. A differenza del mercato tutelato dove Servizio Elettrico Nazionale gestisce gran parte dei clienti, nel mercato libero troviamo diversi big. enelAl primo posto, c’è Enel Energia che detiene il 35% del mercato (considerando i volumi di vendita). Per contattare il Call Center di Enel potete chiamare il numero verde  800.900.860 o il numero per le chiamate dall’estero 0039 0664511012. edisonAl secondo posto troviamo Edison Energia che controlla il 5% del mercato ed è stato il primo operatore energetico in Italia.  Per chiedere informazioni riguardo alle offerte luce e gas EDISON potete chiamare il numero 800 14 14 14. Il numero verde per i clienti è 800 031 141. eniAl terzo posto troviamo Eni Gas e Luce che detiene il 4% del mercato. Se non siete ancora clienti Eni, potete chiamare il numero 011 1962 1333. Il numero verde per i clienti è 800.900.700. Hera-commHera Comm si trova subito dopo Eni per volumi di vendita (circa 3,6%). Per contattare questa società potete chiamare il numero verde 800.999.500, gratuito anche da cellulare. axpoInfine, troviamo Axpo Group con una percentuale del 3,1%. Il servizio clienti è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 al numero verde 800.199.979.