Attestato di prestazione energetica Palermo

attivazione contatore

Vuoi risparmiare in bolletta?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Compila il form per essere ricontattato gratuitamente per confrontare le offerte con l'aiuto di un nostro esperto.

Come ottenere l’attestato di prestazione energetica? Vediamo in quali casi va richiesto e quali sono gli immobili esenti. Occhio alla differenza tra APE e AQE!


L’attestato di prestazione energetica (APE)

L’attestato di prestazione energetica, successore dell’A.C.E., descrive le caratteristiche energetiche di un edificio, un’abitazione o un appartamento. Il livello di efficienza energetica di un immobile si redige, tenendo conto di diversi parametri: l’isolamento termico, la posizione dell’immobile, e la presenza di impianti all’interno della casa che apportano comfort e salubrità.

Fatte attenzione alla differenza tra APE e AQE: non sono la stessa cosa. L’APE viene redatto da un certificatore abilitato che non ha avuto un ruolo nei lavori dell’immobile e specifica la classe energetica dell’immobile (da A a G). Inoltre, l’attestato di prestazione energetica recepisce la recente direttiva europea 2010/31/UE. L’AQE, invece, svolge un ruolo di documento di controllo e va presentato al Comune, al contrario dell’APE che viene inviato alla Regione.

APE: per quali immobili?

La legge 90/2013 ha descritto nello specifico tutti i casi in cui è obbligatorio fare l’APE. L’attestato di prestazione energetica deve essere redatto nei casi di:

  • compravendita immobiliare;
  • affitto di un immobile o di un edificio;
  • donazione (trasferimento a titolo gratuito di un immobile);
  • annunci di vendita o di affitto di unità immobiliari;
  • edifici di nuova costruzione;
  • lavori di riqualificazione o di ristrutturazione che modifichino la struttura dell’appartamento;
  • edifici pubblici;
  • ristrutturazione di oltre il 25% della superficie dell’intero edificio.

Certificatori Energetici

L’APE viene redatto da tecnici professionisti iscritti ai relativi albi e con abilitazione professionale nei campi della progettazione di edifici e impianti (Architetti, Ingegneri, Geometri, Periti Industriali, Periti Agrari, Agrotecnici). Per tutti coloro che non sono in possesso dell’abilitazione professionale è possibile frequentare un corso di formazione abilitante a conseguire l’attestazione di tecnici abilitati alla prestazione energetica degli edifici e degli impianti, sostenendo un esame finale. Possono frequentare il corso anche coloro in possesso di laurea magistrale o specialistica in materie affini al settore, come matematica, ingegneria, scienze della natura, scienze e tecnologie geologiche, scienze chimiche, scienze geofisiche, ecc…

Cosa fa il certificatore energetico?

Un certificatore energetico, che viene nominato dal proprietario (o committente) dell’immobile, per redigere l’APE deve reperire i dati catastali dell’immobile ed effettuare un sopralluogo della casa. Il tecnico dovrà valutare le caratteristiche strutturali dell’immobile, verificando:

  • la qualità degli infissi;
  • l’efficienza energetica degli impianti di riscaldamento e di produzione di acqua calda;
  • la tamponatura esterna e interna dell’involucro edilizio;
  • la salubrità degli ambienti interni;
  • gli impianti autonomi di produzione di energia (pannelli solari, fotovoltaici, ecc...), se presenti.

Nel caso di nuove costruzioni o lavori di ristrutturazione il certificatore energetico deve essere nominato prima dell’inizio dei lavori. Insieme all’APE deve essere allegata la Dichiarazione d’Indipendenza che attesta l’assenza di conflitto di interessi da parte del certificatore. Questa figura ha responsabilità civili e penali e deve inviare l’attestazione energetica alla Regione. Inoltre, può firmare l’attestato anche con firma digitale che ha completa validità legale.

L’attestato di certificazione energetica deve essere rilasciato all’affittuario o al nuovo proprietario al momento della sottoscrizione del contratto.

Attestato prestazione energetica a Roma

Il Sistema Informativo Ape Lazio (SIAPE) gestisce il catasto degli attestati di prestazione energetica. Gli attestati di prestazione energetica, per il territorio laziale, sono inviati al SIAPE .

Bisogna valutare sempre l’affidabilità del certificatore energetico, i tecnici sono iscritti a un albo di certificatori regolato dalla Regione di riferimento.Qui potete trovare l’elenco dei certificatori della Regione Lazio.

Attestato prestazione energetica a Palermo

palermo
Cattedrale a Palermo

Sienergia è il portale siciliano dell’energia che gestisce online il CEFA, il catasto energetico dei fabbricati. Tramite il catasto si possono trasmettere gli attestati di prestazione energetica prodotti e consultare i dati sulle prestazioni energetiche dei fabbricati nei diversi comuni siciliani. In questa sezione è possibile caricare gli attestati e attraverso la pagina visura APE i cittadini possono conoscere se l’immobile è stato certificato e quali sono le prestazioni energetiche dello stesso. Il costo dell’APE a Palermo costa tra 150 e 250 euro a seconda dell’immobile.  Per consultare dati e grafici di Palermo relativi all’APE clicca qui.

APE, quando non serve?

In primis, precisiamo che se un immobile è già dotato di ACE (Attestato di Certificazione Energetica) in corso di validità, rilasciato prima dell’avvento dell’APE (4/08/2013), non è necessario dotare l’immobile di quest’ultimo. Infatti, l’ACE se redatto prima dell’entrata in vigore del DL 63/2013 ha validità per 10 anni. Solo nel caso di ristrutturazioni dell’immobile, si dovrà fare nuovamente l’APE.

Nel sito del MISE si possono trovare i casi di esenzione di dotazione APE. Gli immobili esclusi sono:

  • fabbricati isolati con una superficie utile totale inferiore a 50 metri quadrati;
  • edifici industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati o raffrescati per esigenze del processo produttivo;
  • fabbricati adibiti a box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi;
  • fabbricati in costruzione sprovvisti dell'abitabilità o dell'agibilità;
  • edifici adibiti a luoghi di culto;
  • ruderi;
  • manufatti.

A cosa serve l’APE?

L’APE, come visto precedentemente, è obbligatorio ai sensi della Legge 90/2013 (in mancanza sono previste delle sanzioni) e può essere utilizzato come strumento di verifica per la convenienza economica di un immobile. L’attestato di prestazione energetica consiglia anche interventi di riqualificazione energetica.

Questo documento aumenta il valore della casa al momento della vendita o dell’affitto. Ecco perché è sempre più in voga la bioedilizia per la costruzione di edifici e singole unità immobiliari.

Quanto costa l’APE?

Il costo dell’attestato di prestazione energetica varia a seconda del luogo e delle caratteristiche della casa. Il prezzo oscilla dai 100 euro ai 300 euro. Nel preventivo bisogna sempre controllare se sono state incluse spese e IVA. Prima di nominare un certificatore, consigliamo di richiedere diversi preventivi.

Aggiornato il